• » Val Trebbia
Val Trebbia
stato-1-1-01.jpg
La val Trebbia Ŕ una valle formata dal fiume Trebbia che nasce ai piedi del monte PrelÓ in provincia di Genova e poi, dopo il comune di Gorreto, entra nel territorio della provincia di Piacenza, col comune di Ottone e prosegue nel piacentino, lambendo l'Oltrep˛ Pavese in prossimitÓ di Brallo di Pregola (PV). A circa 118 km dalla sorgente, sfocia nel Po nelle vicinanze di San Nicol˛ a Trebbia, frazione di Rottofreno (PC). Confina con la val d'Aveto e la val Nure ad est, con la valle Scrivia, la val Borbera, la val Boreca, la valle Staffora, la val Tidone e la val Luretta ad ovest. Lungo il suo fondale si snoda la Strada statale 45 di Val Trebbia. Le prime notizie storiche ci vengono dal neolitico, resti archeologici di un insediamento sono stati rinvenuti presso Travo, che ospita nella sede del comune un piccolo museo; ed anche nel villaggio del Groppo presso Bobbio, in parte i reperti si trovano nei musei della cittÓ ed in parte al museo archeologico di Genova a Pegli, anche per la parte riferita ai Liguri. La parte pianeggiante della valle vide la battaglia della Trebbia in cui, secondo il racconto dello storico romano Polibio, nel dicembre del 218 a.C. Annibale inflisse una pesante sconfitta al console romano Tito Sempronio Longo. L'esercito dei cartaginesi, riuscý a bloccare la fanteria romana nell'alveo paludoso del torrente Luretta; la cavalleria numidica appoggiata dagli arceri fece strage dei soldati romani di cui solo un terzo riuscý a trovare scampo sull'altra sponda del fiume Trebbia. La storia di questa vallata Ŕ fortemente legata alla presenza del monastero di Bobbio, centro storico e culturale di primaria importanza, fondato nel VII secolo dal monaco irlandese San Colombano, anche in funzione di punto di controllo dei traffici per Roma attraverso la via degli Abati e da e verso il Mar Ligure, specie per il controllo del traffico del sale verso la via del sale, prodotto anche dalle saline di Bobbio. L'abbazia ospita nei locali dell'antico scriptorium un museo con testimonianze di epoca romana, medievale e rinascimentale. La valle ebbe, secondo la leggenda, un visitatore illustre: lo scrittore e Premio Nobel Ernest Hemingway. Durante la Seconda guerra mondiale, precisamente nell'anno 1945, transitando sia per la val Trebbia che nella val d'Aveto come corrispondente al seguito dell'esercito di liberazione, si dice abbia scritto sul proprio diario la seguente frase:ź Oggi ho attraversato la valle pi¨ bella del mondo ╗ Testimonianze dirette confermano inoltre che Ernest Hemingway visit˛ una seconda volta la val Trebbia che la Val d'Aveto, durante gli anni cinquanta, specie per recarsi a pescare lungo il fiume Aveto. A ricordare l'importanza strategica che ebbe la val Trebbia nei secoli, rimangono imponenti castelli: Castello di Calendasco Castello di Gossolengo, Castello di Rivalta presso Gazzola, Castello di Ancarano (Rivergaro), Castello di Montechiaro presso Rivergaro, Castello di Statto nel comune di Travo, Castello Anguissola di Travo, Castello di Pigazzano (Travo), Castello della Rocca di Caverzago (Travo), Bobbio (Castello Malaspina, Castello del Dego, e resti di quello di Piancasale), Castello degli Scotti di Poggio d'Areglia di Bobbio, Castello dei Magrini di Coli, Castello di Faraneto (Coli), Castello di Macerato (Coli), Corte Brugnatella (castello del Lago, accanto alla Statale e dogana tra la Repubblica di Genova e la Contea di Bobbio), Rimanenza del castello del borgo di Brugnello di Corte Brugnatella, Ruderi del Castello dei Ghigliani di Pietranera (Corte Brugnatella), Castello di Cariseto di Cerignale, Castello di Ottone, Castello di Torriglia nel comune di Torriglia; inoltre le torri di Bobbiano di Travo, Cadonica (Bobbio), Ozzola (Corte Brugnatella), Tortaro di Lupi di Corte Brugnatella, Zerba, Colombaia di Coli.



ottima cucina e cantina ricca di etichette pregiate
Situata in Piazza Paolo, la Trattoria del Bue D'oro, ci accoglie con uno stile semplice e rustico, e l'atmosfera Ŕ familiare...

per mangiare e bere bene
all'interno di un vecchio convento del Ĺ600, nel cuore della antica Bobbio...


condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK