Travo
stato-4-1-01.jpg
La zona di Travo fu abitata fin dallĺinizio del IV millennio a.C. al tempo in cui la cultura ligure stava succedendo a quella padana. Nellĺepoca romana il territorio travese era mŔta di pellegrinaggi da tutta Italia per la presenza di uno dei maggiori templi pagani: il Tempio di Minerva. La tradizione collecherebbe nel paese il luogo del martirio di S. Antonino, patrono di Piacenza. Intorno al IV sec. d.C. si narra lĺesistenza della prima chiesa di Travo, la Basilica di S. Andrea, mentre la data dellĺattuale chiesa di S. Antonino fa risalire allĺXI-XII secolo. Dal dominio dei Malaspina il borgo pass˛ al Comune di Piacenza nel XII sec.. Nel 1438 appartenne agli Anguissola che nel 1700 adibirono il castello a loro abitazione privata. Nel 1805 Travo fu scelto come sede di comune grazie alla sua particolare posizione e importanza nel passato. Nellĺimmediato dopoguerra il paese divenne noto anche in campo nazionale grazie alla presenza, nel suo territorio, di numerosi tipi di pietre, tra le quali spiccava per importanza quella litografica, utilizzata da varie case editrici. Le pietre cavate in varie zone del comune venivano lavorate in uno stabilimento ancora oggi denominato Fabbrica. Attualmente il paese rappresenta una rilevante mŔta di villeggiatura. Da Travo, risalendo la strada per Bobbiano, si pu˛ raggiungere la grande roccia di Perduca, e la Pietra Parcellara, poderoso roccione di serpentino nero, alla cui vetta, a 836 mt., si giunge arrampicandosi lungo una ripida gradinata scavata nella roccia viva.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK