Gossolego
stato-6-1-01.jpg
Diventato luogo di transito in seguito allĺapertura del ponte di Tuna sul Trebbia, il paese ha vissuto di conseguenza un notevole sviluppo edilizio che lo ha sempre pi¨ avvicinato alla cittÓ. Originariamente terra dei benedettini di S. Savino e dei monaci della Cattedrale, ricca di rivi e mulini, di cui restano ancora oggi evidenti testimonianze, dopo il Mille fu testimone di lotte fra nobili e popolani. Verso la fine del XII secolo fu eretto il Castello che visse, nei secoli seguenti, numerose battaglie e che, ci˛ nonostante, mantiene ancora oggi un ottimo stato di forma. La Chiesa parrocchiale di S. Quintino Ŕ stata invece costruita nel nostro secolo. Anche le localitÓ di Baselica e Bonche custodiscono interessanti fortilizi. Situato sulla destra del fiume, Gossolengo conta tre frazioni: Caratta, Quarto e Settima. Nel territorio sono stati rinvenuti oggetti antichissimi risalenti sino al Paleolitico e il reperto pi¨ importante Ŕ rappresentato dal famoso Fegato etrusco rinvenuto nel 1877 a Ciavernasco e databile al II sec. a.C.. Utile allora agli aruspici per interpretare i segni del cielo, il prezioso oggetto Ŕ attualmente conservato nel Museo Civico di Piacenza. Evidenti resti dimostrano ancora oggi le ripartizioni della terra e i toponimi, anche se le testimonianze documentate risalgono al IX secolo quando si cita Gossolengo nelle carte del Monastero di Bobbio. Il territorio fu secondo tali documenti costantemente legato ai conventi di Piacenza o alla Cattedrale, il cui Capitolo nel 1254 Ŕ definito padrone del territorio. Intorno alla metÓ del XVII secolo pass˛ nelle mani del monastero di S. Sisto.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK