San Pietro in Cerro
stato-26-1-01.jpg
Pur essendo rimasto fino alla fine del ‘500 nello stato dei Pallavicino, il luogo era passato alternativamente a diverse potenti famiglie; feudo dei Conti Barattieri nel 1466, della quale nobile famiglia conserva tuttora il castello e il palazzo seicentesco, fu in precedenza dei Malaspina e in seguito dei Landi. Nel medioevo la località era una pieve dedicata a S. Pietro, pare risalente al 969, e sembra che il toponimo “in Cerro” risalga ad una alta quercia, o cerro, presso cui la chiesa sarebbe stata innalzata. La Chiesa di San Pietro in Cerro sorse nel 1552 ad una navata con cappella in stile romanico; l’abside è in gotico-romanico con vetrata centrale raffigurante San Pietro e gli apostoli; la facciata è barocca con frontoni spezzati e rosoni. Il campanile termina con un’alta cuspide. Le pitture sono datate 1600 e 1700. Oggi il paese, che dista quattro chilometri da Cortemaggiore e sorge a poco più di un chilometro dalla sponda sinistra dell’Arda, è attraversato dalla statale 462 e presenta una singolare struttura urbanistica costituita da pericolose curve ad angolo retto, alberi ed aree agricole che si incuneano dentro lo stesso centro abitato. L’agricoltura è la principale fonte di economia del paese. In pochi chilometri si raggiunge Polignano e Sant’Agata di Villanova, centro noto per la residenza di Giuseppe Verdi che ospita relativo museo e parco.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtéi
    detti anche tortelli con la coda
    è il più noto piatto di magro piacentino, un primo che non può mancare nei menù delle specialità piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o Ciàciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulêinta cônsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) è una seconda portata che può fare anche da piatto unico, tipica specialità piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pisarèi e fasò
    il più rinomato tra i piatti tipici piacentini
    è la specialità piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione più contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK