Alseno
stato-19-1-01.jpg
Documenti medievali lo citano col nome di "Senum" e ha origini militari essendosi venuto a trovare sul confine tra Parma e Piacenza. L'attuale castello Ŕ stato fondato sul finire del XII secolo da Siclero Landi e Savino Vicedomino, ma non si fece in tempo ad ultimare le mura che nel 1188 truppe dei comuni di Pavia e Modena lo rasero al suolo. Subito, per˛, fu ricostruito. Negli anni seguenti, sul borgo, dominarono diversi casati tra cui i Pallavicino, i Landi, i Fogliani ed altri finchŔ non giunse anche qui la dominazione dei Farnese. Nel territorio di questo comune sorge l'Abbazia di Chiaravalle della Colomba, nell'omonima frazione e fondata da S. Bernardo, giunto appositamente dalla Francia per occuparsi sia di Chiaravalle Milanese sia di Chiaravalle Piacentino. La costruzione del monastero inizia attorno alla metÓ del XII secolo con l'appoggio delle pi¨ potenti famiglie della zona e grazie all'intervento del vescovo di Piacenza Arduino. Proprio per la sua importanza il complesso monastico venne a trovarsi spesso coinvolto in fatti dolorosi come ad esempio nel 1214 quando fu depredato dalle truppe cremonesi, parmigiane e reggiane e incendiato e saccheggiato dalle milizie di Federico II nel 1335. Nel Rinascimento inizia la decadenza, nel 1444 il monastero viene eretto in commenda e nel 1805 Napoleone lo incamera nel demanio nazionale. Attualmente la chiesa Ŕ diventata la parrocchiale della frazione, affidata ai Cistercensi, che ogni anno per il giorno del Corpus Domini compongono l'Infiorata, un tappeto di fiori raffigurante scene sacre. Altra frazione, raggiungibile percorrendo due km. di Via Emilia a sud di Alseno, Ŕ Castelnuovo Fogliani, in passato Montebello. La torre che domina le case sorte presso il castello Ŕ il simbolo dell'esistenza giuridica della Communitas hominum Castri Novi. A sud del borgo la Pieve di Campocervaro, ritenuta del IV secolo e dedicata a S. Pietro; questa decade dopo il Mille, mentre si afferma la Chiesa di S. Biagio di Castelnuovo con castello e ospedale. Il Monastero di S. Maria delle Grazie Ŕ fondato da Ludovico Sforza Fogliani nel 1488 e la chiesa consacrata nel 1505 Ŕ officiata dai Benedettini. La chiesa settecentesca del castello viene attribuita a Luigi Vanvitelli e la prima pietra Ŕ posta nel 1763 dal Duca di Parma e Piacenza Ferdinando I. A quattro chilometri Cortina, localitÓ termale, nonchÚ attrezzata per la pesca sportiva e rinomata per la buona cucina.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK