Gropparello
stato-16-1-01.jpg
Piccolo centro della Val Chero, presenta all'entrata del paese un interessantissimo sito storico. Il paese di Gropparello probabilmente deve il suo nome al termine celtico "Grop", che indica una sorta di ostacolo naturale, di tipo roccioso: ed infatti posto a strapiombo sul torrente Vezzeno vi Ŕ il sito pi¨ importante di Gropparello, una fortificazione caratterizzata da un aspetto molto ristretto ed inglobato in un perimetro tutt'altro che ampio, irregolare ma con una forte predisposizione a chiudersi su se stesso in caso di pericolo. Praticamente, chiuso il ponte levatoio, a tutt'oggi funzionante, la rocca diventava inespugnabile. Il castello di Gropparello, anticamente chiamato rocca di Cagnano, fu edificato intorno al IX secolo ed, ancor oggi, la sua struttura e l'atmosfera che vi si respira riporta alla lontana epoca medioevale, caratterizzata da dame e cavalieri, lunghe battaglie ed assedi interminabili, ed imperniata, come tutti i castelli che si rispettano, dalla leggenda del fantasma di Rosania, una donna uccisa dal marito. Attorno alla rocca si stende placido un grande parco, con sentieri alberati e prati, ed anch'esso Ŕ reso parte integrante della visita, soprattutto per quanto riguarda i pi¨ piccoli. E' nato qui, infatti, il primo parco emotivo in Italia e, quello che in altri castelli Ŕ un bel giro turistico, diventa in questo luogo un'avventura a pieno titolo, un'esperienza a livello personale. Uno degli aspetti pi¨ interessanti Ŕ per˛ la creazione del Parco delle Fiabe, all'interno del rigoglioso giardino di pertinenza del Castello, creato come il primo parco emotivo in Italia. In pratica i bambini in visita al parco, accompagnati da una guida, hanno l'occasione di vivere un' esperienza interattiva fuori dal tempo incontrando, in una scenografia fedelmente medievale, una serie di personaggi fantastici, dagli elfi ai druidi.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK