Vigolzone
stato-39-1-01.png
Importanti ritrovamenti avvenuti nel secolo scorso, sul greto del Nure, indicano l’esistenza dell’antica “Vicumia”, dove Annibale, dopo la vittoriosa battaglia sul Trebbia nel 218 a.C., disperse le centurie romane di Scipione con le impetuose cariche della cavalleria cartaginese. Nel paese spicca il bellissimo castello del 1300, a base rettangolare con torrione alto 40 metri, voluto da Bernardo Anguissola e costruito sulle rovine del fortilizio raso al suolo da Re Enzo nel 1242. Fu espugnato nel 1483 da Lodovico il Moro e nel 1521 dai dragoni francesi di Lantrec. All’interno l’Oratorio di San Rocco, databile al XVII secolo, l’elegante sala d’armi con soffitto in legno e un grande salone di 400 metri quadrati. Nel 1888 il complesso fu visitato anche da Giosué Carducci, che gli dedicò una breve poesia. Interessante e moderna è la nuova Chiesa parrocchiale di San Mario sorta nel 1966 per volontà del prelato Mario Nasalli Rocca. A pianta ellittica è sostenuta da pilastri di cemento armato le cui sommità sono collegate da un anello metallico. All’interno strutture antiche si mescolano a strutture ardite creando soluzioni architettoniche veramente suggestive. Notevoli la cupola, i mosaici e il campanile alto 40 mt. e dotato di otto campane. La zona, particolarmente felice per i vigneti che danno pregiate uve dalle quali si ricavano i rinomati vini D.o.c. dei colli piacentini, presenta nelle immediate vicinanze altre interessanti tappe turistiche tra le quali, molto nota è Grazzano Visconti, mentre verso Pontedell’Olio si trova la Chiesiola, un edificio convettuale del trecento trasformato in villa nel XIX secolo circondata da un parco che domina da una collinetta un gradevole panorama.



nel piccolo borgo a metà tra le valli Trebbia e Nure
si pranza nella bella veranda interna dotata di ampie vetrate che si affacciano sulla vallata, oppure direttamente nel porticato all’aperto...


condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtéi
    detti anche tortelli con la coda
    è il più noto piatto di magro piacentino, un primo che non può mancare nei menù delle specialità piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o Ciàciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulêinta cônsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) è una seconda portata che può fare anche da piatto unico, tipica specialità piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pisarèi e fasò
    il più rinomato tra i piatti tipici piacentini
    è la specialità piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione più contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK