Piozzano
stato-31-1-01.jpg
La storia del territorio è legata indissolubilmente a quella della Val Tidone. I primi abitatori appartennero a tribù della stirpe dei Ligures. La presenza romana è testimoniata soprattutto dalla “Tavola Alimentaria Traianea” che riporta i nominativi dei proprietari terrieri tassati per il sostentamento di un orfanotrofio fondato a Velleia da Traiano. Questa tavola permette la ricostruzione del catasto dei Velleiati, che in gran numero possedevano fondi nella Val Tidone; del comune di Piozzano vengono citate le località di Vicus Pomarius (l’odierna Pomaro) e Canianum (Montecanino). Tra le altre località compare Vidiano di Sopra verso la fine del X secolo e ricompare Pomaro nell’850. Attorno al Mille la gran parte della Val Tidone apparteneva a vari Monasteri. Nel XIII secolo le lotte tra Guelfi e Ghibellini colpirono anche questi luoghi, tra cui Pomaro e Vidiano. Nel 1451 Francesco Sforza assegna al figlio naturale Sforza Secondo la contea di Borgonovo Val Tidone e nel 1467 Galeazzo Maria aggiunge alla contea varie terre, tra le quali Piozzano, Vidiano Soprano, Pomaro, S. Gabriele, Bosonasco, Montebello e Groppo. Nel XVI secolo c’è l’avvento dei Farnese con il Ducato di Parma e Piacenza. La casata rimarrà sino al 1731; nel 1749 si consolidò il dominio dei Borboni. L’attuale territorio del Comune di Piozzano ricade sino al 1862 sotto il Comune di Pomaro Piacentino e dal 1877 assume il nome di Piozzano. L’originario nome del Comune è testimoniato dal grande albero con grosse mele raffigurato nello stemma. Del castello di Piozzano, Castelvecchio, rimangono pochi resti; antica proprietà del Monastero di S. Savino, passò ai conti Lomello e poi agli Arcelli, quindi ai Veggiola e, per estinzione della loro discendenza maschile, ai Paveri Fontana. Nel 1636 venne conquistato e distrutto dagli spagnoli; a seguito di tale distruzione venne edificato un nuovo fortilizio, detto La Canova. Nel 1633 passò ai Paveri Fontana che lo tennero sino alla fine del ‘700 allorquando lo cedettero alla famiglia dei Rizzi. La tradizione vuole che un cunicolo sotterraneo lo colleghi al vicino castello di Casanova Chitti. Trasformata in elegante villa signorile, non nasconde le origini guerresche.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtéi
    detti anche tortelli con la coda
    è il più noto piatto di magro piacentino, un primo che non può mancare nei menù delle specialità piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o Ciàciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulêinta cônsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) è una seconda portata che può fare anche da piatto unico, tipica specialità piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pisarèi e fasò
    il più rinomato tra i piatti tipici piacentini
    è la specialità piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione più contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK