Farini d'Olmo
stato-33-1-01.jpg
Situato nei pressi del confine con la Liguria, il territorio fu sin dall’età romana luogo di passaggio e pertanto in età medioevale fu causa di lotte di potere fra le più potenti famiglie come quelle dei Pallavicino, degli Arcelli, degli Scotti, dei Visconti, degli Anguissola e dei Caracciolo; furon quest’ultimi a tenere la signoria dal 1400 al 1700. Il Comune fu costituito nel 1867. Il nucleo abitativo si sviluppava sulla riva sinistra del Nure, ma in questi ultimi anni il paese si è esteso anche sull’altra sponda del fiume. Ad un’economia prevalentemente agricola si è affiancato, negli ultimi decenni, un reddito proveniente dal turismo residenziale, particolarmente vivace nel periodo estivo e di un certo rilievo anche nella stagione invernale grazie alle località sciistiche di Mareto e Groppallo. Quest’ultima frazione, collocata a 950 metri d’altezza, è anche mèta di piacevoli escursioni con una chiesa del XV secolo, ricostruita solo dieci anni fa, che svetta oltre i mille metri su uno sperone roccioso. Da visitare Farini d’Olmo propone le recentissime costruzioni del Municipio e della Chiesa di San Giuseppe; questa presenta al suo interno la Via Crucis dipinta dal piacentino Luciano Ricchetti. Particolarmente interessanti gli itinerari con partenza da Groppallo, per il Monte Chiappa, a 1274 metri, il Monte Santa Franca, 1322 metri, e da Boccolo Noce per il Monte Menegosa, 1366 metri, e per il Monte Lama, 1355 metri, in un susseguirsi di meravigliosi scenari montani con vasti pascoli, praterie e boschi. Da Mareto al Monte Aserei, 1432 metri, con distese circondate da faggeti e noccioleti; altri ancora a Cogno San Bassano, alla pineta della Cappelletta, a Pradovera, 943 metri e al Monte Osero, 1031 metri, che da occidente domina la Val Perino.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtéi
    detti anche tortelli con la coda
    è il più noto piatto di magro piacentino, un primo che non può mancare nei menù delle specialità piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o Ciàciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulêinta cônsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) è una seconda portata che può fare anche da piatto unico, tipica specialità piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pisarèi e fasò
    il più rinomato tra i piatti tipici piacentini
    è la specialità piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione più contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK