Pittura piacentina: Osvaldo Bot
il pi¨ stravagante ed estroso pittore piacentino di tutti i tempi
Pittura piacentina: Osvaldo Bot
ll più stravagante ed estroso pittore piacentino di tutti i tempi è sicuramente Osvaldo Bot, sempre scosso da una marea di idee, iniziative, fermenti culturali e artistici.
La sua pittura non fu immune da nessuna delle esperienze dell’arte europea, dal postimpressionismo al cubismo, dal surrealismo all’espressionismo, dal futurismo all’arte oggettuale, anche grazie al suo vivissimo senso di ribellione e di contestazione delle mode tradizionali e convenzionali.

Il suo disegno era rapido, essenziale, stilizzato ma elegante e i suoi colori erano usati a seconda dello stato d’animo del pittore. Diventavano limpidi, cantati, bellissimi nei momenti lirici; drammatici e intensi nei momenti di rabbia e disperazione.
Amico di Marinetti, lasciò che il futurismo toccasse la sua pittura senza però condizionarla troppo. Studiò a Milano presso l’"Umanitaria” e lasciata la scuola strinse rapporti con l’ambiente artistico e culturale della scapigliatura milanese.
Negli anni ’30 cominciò a lavorare alla prima serie delle “Ferroplastiche” e si legò al movimento futurista, partecipando a numerose mostre insieme agli artisti del gruppo.

Pubblicò saggi futuristi, tra cui Autoritratto futurista, con prefazione di Marinetti, e Flora futurista. Creò inoltre cartelloni pubblicitari e carte da gioco futuriste e fondò a Piacenza una sede del movimento.
Nella seconda metà degli anni trenta fu in Libia dove pubblicò pennellate sull’Africa e tenne una mostra personale.
Dopo la seconda Guerra Mondiale realizzò le serie carto-pittura emonotipi. Morì nel 1958.




condividi questa pagina
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK