Pittura piacentina: Luciano Ricchetti
si distinse perchŔ dotato di una grande naturale abilitÓ tecnica
Pittura piacentina: Luciano Ricchetti
Tra le due guerre mondiali e sino alla metà del secolo espressero la loro piena maturità artistica numerosi giovani pittori come: Luigi Arrigoni, Luciano Richetti, Gianno Giacobbi, Osvaldo Bot, Alfredo Soressi, Giacomo Bertucci, Alessandro Marenghi.
Ad eccezione di Bot, tutti rientrano in una corrente figurativa che tentò esperienze ora espressionistiche ora geometrizzanti.
Tra di loro, Luciano Richetti è considerato un pittore di statura nazionale posto da alcuni critici all’altezza di un Saetti, di un Carpi, di un Funi, rimasto in qualche modo bloccato da una pigrizia provinciale e dalla avversione ad affrontare rischi e avventure fuori da Piacenza.

Figurativo moderno, solido, luminoso, nasce nel 1897 e muore nel 1977, distinguendosi grazie alla grande abilità tecnica e ad un innato talento per la composizione.
Rimase insensibile al futurismo di Marinetti (seguito invece da Bot) e accolse invece il messaggio del movimento Novecentista che reagiva, negli anni 1930-40, all’ultimo decandentismo della pittura dell’Ottocento.

Proprio gli anni ’30 e ’40 vedono il momento più felice e più valido del pittore che, nel 1936, con grande sorpresa di tutto il mondo artistico italiano, ottenne la vittoria al Premio di Cremona sbaragliando i nomi di maggior rilievo del momento.
La sua discesa cominciò dopo il 1960 anche se sino al 1967, anno della sua morte, continuò a lavorare con grande passione.




condividi questa pagina
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK