• » su tutte la coppa
su tutte la coppa
CATEGORIA-16-1-01.jpg
SpecialitÓ piacentine
Tra i prodotti locali più conosciuti ed apprezzati sono senz’altro i salumi tipici, soprattutto i salami a grana grossa, la pancetta arrotolata e naturalmente la coppa, la più tipica e caratteristica delle specialità piacentine. Le principali aree di produzione della coppa sono Lugagnano, Castell’Arquato, Carpaneto e la Valle dell’Arda.
Per preparare la coppa piacentina viene usato il pezzo intero di carne (rigorosamente suina, con all’incirca il 25% di grasso) posto tra l’attaccatura della testa del suino e la quinta e la sesta costola del carré. La carne viene salata, aromatizzata (con pepe e aromi naturali), insaccata in budello animale e legata con cura prima di essere messa ad asciugare. Dopo sette giorni di maturazione in salamoia e altri sette giorni di asciugatura, appesa in locali a temperatura di 2-3 gradi, la coppa viene stagionata per un periodo che va da sei mesi fino ad un anno, in ambienti freschi e ben areati. La coppa tende, durante e dopo la stagionatura, a rinsecchirsi e a diventare troppo dura; in questo caso può essere ammorbidita con vino bianco, con brandy o con altri alcolici.
Alla coppa è dedicata la famosa Festa della Coppa di Carpaneto Piacentino, nata nel 1952, che si tiene ogni anno durante la prima domenica di settembre e dura complessivamente quattro giorni, dal venerdì al lunedì.
Oltre ai salumi, di ottimo pregio, vi sono anche i formaggi sia stagionati, come il grana e il provolone, che freschi, come la mozzarella e la ricotta. Nel piacentino è poi possibile provare, accompagnata da sapori dolci o salati, la “burtleina”, una specie di focaccia fritta, realizzata con farina, acqua e sale.
Inoltre la terra piacentina è nota a livello internazionale per la sua ottima ed abbondante produzione di pomodori, mentre nella bassa pianura che corre verso la provincia di Cremona viene coltivato l'aglio, al quale viene dedicata una sagra a Monticelli d'Ongina,
Inoltre Vezzolacca, nel comune di Vernasca, si festeggia nel mese di agosto la patata, con diverse  varietà tra le quali la Kennebek, di forma ovale, dalla buccia chiara e la polpa gialla, la Desiree, dalla forma ovale, buccia rossa, polpa gialla e consistente e adatta ad ogni tipo di cottura, infine la Spunta, di forma forma ovale, buccia giallo pallido con polpa color crema.


il Pomodoro il Pomodoro
l'oro rosso piacentino
Le sue coltivazioni superano i 14.000 ettari e i risultati produttivi raggiunti sono di grande eccellenza...

Pancetta piacentina d.o.p. Pancetta piacentina d.o.p.
giÓ in produzione nel lontano 1400
la pancetta piacentina DOP viene utilizzata in molte preparazioni gastronomiche ed Ŕ molto apprezzata anche nei mercati esteri...

Salame piacentino d.o.p. Salame piacentino d.o.p.
ha forma cilindrica ed il suo peso varia da 400 gr. a 1 kg.
Al taglio appare di colore rosso vivo inframmezzato da lenticelle bianche di grasso, ha un sapore delicato e dolce, lĺaroma fragrante e caratteristico aumenta di intensitÓ se molto stagionato...

Coppa piacentina d.o.p. Coppa piacentina d.o.p.
il salume pi¨ rapppresentativo del piacentino
La Coppa piacentina ha forma cilindrica e un gusto pieno ma dolce e poco pronunciato che si affina con il procedere della maturazione ed al colore rosso inframmezzato di bianco rosato...

La patata di Vezzolacca La patata di Vezzolacca
tradizioni e prodotti piacentini
coltivata con tecniche tradizionali da tutti gli agricoltori del paese, la patata viene onorata a Vezzolacca da una sagra che si svolge il terzo week-end di agosto...


condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK