PisarŔi e fas˛
il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
Pisarèi e fasò
Gli va riconosciuto probabilmente la palma di specialità più rinomata tra i piatti tipici piacentini.
Un piatto povero legato alla più rurale tradizione della provincia piacentina che precorre i tempi della buona e sana alimentazione, in quanto l'abbinamento tra cereali e legumi (farina-fagioli) garantisce le proteine necessarie che solo con la carne si potevano assimilare, tuttavia all’epoca troppo cara per le possibilità di tanti.

La preparazione
Pane grattato precedentemente scottato in acqua bollente o latte, farina e acqua sono gli ingredienti per preparare “al biss”, strisce di pasta a forma di biscette dall’ impasto morbido ed elastico, ottenuto con una buona lavorazione manuale.
Le biscette vanno ora tagliate a pezzetti di pochi centimetri e schiacciati delicatamente con il pollice, conferendo una forma cava, tipico del gnocchetto: abbiamo così preparato i pisarèi che lasceremo riposare per qualche minuto.
Nel frattempo si prepara il condimento, che avremo già iniziato in precedenza avendo messo a lessare tre o quattro etti di fagioli borlotti in acqua non salata, condita con un cucchiaio di olio e una fetta di cipolla fresca, tolti a tre quarti di cottura.
Poi, in un tegame di cotto, si fa soffriggere burro, olio, una cipolla e un po' di prezzemolo tritato, una pestata di lardo o un pezzetto intero che dovrà però essere poi tolto a fine cottura, ed infine, per chi lo desidera, l’aggiunta di uno spicchio d’aglio.
A questo punto si uniscono i fagioli cosparsi di sale e pepe, lasciandoli insaporire a fuoco lento, procedendo con l’aggiunta di salsa di pomodoro, diluita ,eventualmente, con acqua tiepida.
Pronto il sugo, si fanno cuocere i pisaréi in abbondante acqua bollente salata. Pochi minuti dopo, saliti a galla, si scolano e si versano in una zuppiera insieme al sugo con i fagioli e ad abbondante formaggio grana grattugiato.
Dobbiamo avvertire che la proporzione tra farina e pangrattato può essere diversa a seconda delle varianti di ciascuna famiglia.


Ingredienti per la pasta
500 g di farina,
150 g di pangrattato
(o metà farina e metà pangrattato),
sale, acqua;
- per il condimento:
burro, olio,
lardo pestato (pistà ad grass),
cipolla, fagioli nostrani o borlotti
pepe, salsa di pomodoro,
formaggio grana.




condividi questa pagina
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtÚi
    detti anche tortelli con la coda
    Ŕ il pi¨ noto piatto di magro piacentino, un primo che non pu˛ mancare nei men¨ delle specialitÓ piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o CiÓciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulŕinta c˘nsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) Ŕ una seconda portata che pu˛ fare anche da piatto unico, tipica specialitÓ piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • PisarŔi e fas˛
    il pi¨ rinomato tra i piatti tipici piacentini
    Ŕ la specialitÓ piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione pi¨ contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK