Castell'Arquato
stato-21-1-01.jpg
Sicuramente tra le località più rinomate e turisticamente più frequentate della provincia piacentina, è stata denominata l’Assisi d’Emilia per le sue caratteristiche stradine strette in salita, le casette medievali, la Rocca e per l’ambiente collinare simile per alcuni aspetti alla verdeggiante Umbria. Sorge sulla sinistra del torrente Arda, aggrappato su un’amena collina delle ultime propaggini dell’Appennino verso la pianura padana. Castell’Arquato custodisce il suo antico caratteristico borgo, ricco di prestigiosi monumenti tra i quali il Fontanone del Duca, del 1292, la Rocca Viscontea, il Palazzo Pretorio, il Palazzo del Podestà datato 1239, il Torrione Farnesiano del fine ‘500 che all’interno ospita il Museo dei Fossili e il Museo dedicato allo scrittore e poeta Luigi Illica, famoso come autore dei libretti delle opere di Giacomo Puccini. La parte bassa di Castell’Arquato è invece molto diversa, moderna e dotata di un piccolo parco e di un ampio parcheggio capace di accogliere l’elevato numero di auto e pullman in visita al paese. Il suo territorio racchiude la località termale di Bacedasco, conosciuta fin dai tempi remoti e dotata di fonti di acque medicamentose. Le origini del suo terreno, abbondantemente argilloso, comportano acque particolarmente efficaci per la balneofangoterapia, e per le terapie inalatorie e ginecologiche. La vastità del parco, terreni annessi, è a garanzia di protezione delle sorgenti da forme di inquinamento. Altra frazione interessante del comune di Castell’Arquato è certamente Vigolo Marchese. E’ un piccolo borgo che racchiude due insigni monumenti segnalati ormai da tutte le guide turistiche: il Battistero e la Chiesa. Situato sulla strada per Carpaneto Vigolo Marchese è un piacevole luogo, méta di numerosi visitatori, che vive il suo massimo fulgore durante le manifestazioni folkloristiche tra le quali ricordiamo la “Sagra d’agosto” con danze, fuochi d’artificio, paracadutismo e gastronomia, richiamando ogni anno in questo periodo, migliaia di persone in quattro serate meravigliose.




condividi questa pagina
News Infonet
Cerca nel sito

  • Tortelli con gli spinaci o turtéi
    detti anche tortelli con la coda
    è il più noto piatto di magro piacentino, un primo che non può mancare nei menù delle specialità piacentine, da provare anche con la variante del sugo ai funghi...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Sprelle o Ciàciar
    chiacchere in dialetto piacentino
    forma dialettale del termine "chiacchere", le sprelle sono un dolce tipico piacentino del periodo del carnevale
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pulêinta cônsa
    servita con con polpa di manzo tritata
    la polenta concia (o condita) è una seconda portata che può fare anche da piatto unico, tipica specialità piacentina della stagione fredda...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Pisarèi e fasò
    il più rinomato tra i piatti tipici piacentini
    è la specialità piacentina per eccellenza a base di gnocchetti e fagioli, con sugo di pomodoro e pancetta...
    Pubblicata il 08/10/2012
  • Lumache
    un piatto piacentino della tradizione più contadina
    piatto molto gustoso e sostanzioso che richiede una preparazione particolarmente attenta...
    Pubblicata il 08/10/2012

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK